La fine del mondo… (6 maggio 1976)

Guardo le stelle e penso a chi questa notte sotto le stelle ci dormirà, non per romanticismo ma per la paura, o per l’angoscia e la tristezza, o perché non può fare altro. L’Orcolát si è svegliato, vicino a qui, a Rieti, e proprio lo stesso giorno anche molto più lontano, in Birmania…

Avevo sette anni e mezzo quando, di sera, si sono spente tutte le luci e ho sentito il terremoto. In quel momento e dopo, ho pensato-  “è questa la fine del mondo?”-.

E, davvero, il mondo che hai avuto fino a quel momento può non esserci più. Un puro terrore. “I grandi” erano sconvolti, non sapevano che cosa rispondere. Cercavano di calmare i bambini e di telefonare a parenti e conoscenti per sapere se stavano bene. Ma non subito… per telefonare, al telefono fisso ovviamente, bisognava rientrare in casa. Se abitavi in una casa singola, e magari il telefono era al pianterreno (come per noi), ci potevi provare. Se stavi più su, si decideva se mandare qualcuno “in missione”. Oppure si provava a cercare una cabina telefonica, ammesso che le linee poi funzionassero.
Qualcuno prendeva l’auto e andava a vedere di persona, con tante raccomandazioni dei famigliari. C’erano crepe sulle strade, si parlava di voragini che si erano aperte. Era notte, meglio aspettare la luce.

Per mia fortuna, non ho visto macerie crollarmi addosso, nè vicino a casa mia. Quello, l’ho visto poi, alla tv, nei paesi più vicini, l’ho sentito nei racconti di chi aveva parenti in paesi semidistrutti.

Qui in Friuli l’hanno chiamato “Orcolàt”, orcaccio, leggendario essere mostruoso che vivrebbe rinchiuso nelle montagne della Carnia.

Speriamo che beva presto il suo bicchiere di vino e riprenda sonno, come racconta questa storia…

24 agosto 2016

http://www.bordanofarfalle.it/it/blog/unaltra-storia-dellorcol%C3%A0t-918

Annunci

PROUST OU LES INTERMITTENCES DU COEUR – ROLAND PETIT

un artista delle immagini, un romanzo… e il genio coreografico di Petit ci incanta mille volte

NonSoloProust

Roland Petit Proust DVD
Roland Petit, Proust (ou Les intermittences du coeur), Balletto in due Atti e tredici Quadri.
Principali interpreti Manuel Legris; Eleonora Abbagnato; Hervé Moreau; Mathieu Ganio; coreografia Roland Petit; Orchestra Opéra National; The Paris Opera Ballet, 102 min., Anno 2007, Ducale Music, 2008

Trasporre in immagini À la recherche du temps perdu di Marcel Proust è sempre stato il sogno di illustri registi.

Qualcuno ci ha provato, qualcun altro ha lavorato anni per farlo ma poi non l’ha fatto.

Grandi sceneggiatori si sono messi all’opera, grandi costumisti si sono dati da fare. Tutti sono sempre stati concordi nel ritenere ardua l’impresa e comunque, sempre gli spettatori sono rimasti in qualche modo delusi.

Però quello che (ancora?) non è riuscito a fare un grande regista, a mio parere è riuscito a farlo un grande coreografo.

Il coreografo si chiama Roland Petit, che nel 2007 realizzò per l’Opéra national…

View original post 815 altre parole

Il cuore più leggero di una piuma…

Uno scarabeo del cuore dedicato a qualcuno che oggi ho ricordato, e che, certamente, al cospetto della dea egizia Maat, avrebbe avuto il cuore più leggero di una piuma…

Scarabeo del cuore - Museo Egizio, Torino

Scarabeo del cuore – Museo Egizio, Torino

Secondo gli egizi, per poter permettere al defunto una rinascita completa nell’aldilà, era necessario che gli venisse restituito il cuore dopo il giudizio finale. Davanti al tribunale di Osiride il defunto dichiarava di non aver commesso gravi colpe o azioni malvagie e, per provarlo, il suo cuore veniva pesato su una bilancia e il suo peso confrontato con una piuma di struzzo (rappresentazione della dea Maat, simbolo della verità e della giustizia). Se il cuore fosse risultato più pesante della piuma, evidenziando così la colpevolezza, sarebbe stato divorato da Ammit (“la Divoratrice”)…
Un amuleto a forma di scarabeo, posto sulla mummia, serviva a impedire che il cuore testimoniasse contro il defunto.

pesatura del cuore dal Libro dei Morti di Hor

Scena della pesatura del cuore dal Libro dei Morti di Hor, papiro conservato al Museo Egizio di Torino


Cosa ti resta da spaccare?

disegno - io e MarcoQuesta mattina, mentre Bianca, Elisabetta e io siamo in riunione, apre la porta della stanza ed entra. “Bianca, ma chi va a prendere i bambini oggi?” Risposta interrogativa di Bianca, che guarda Simonetta, l’assistente educativa, sopraggiunta dietro di lui, per capire come mai questa domanda.

“Perché adesso la Simonetta deve andare a prendere i bambini… E allora, io intanto resto qui”. (sottinteso: con voi).

É così, Marco. 9 anni, occhi azzurri chiari e taglio corto un po’ birichino dei capelli castani, sparati in alto e rasati ai lati. Pronto a suggerire soluzioni, a gestire quel che non gli competerebbe, ma a lui pare normale. Io sorrido, ammiccando a Elisabetta. Gli voglio un bene, a Marco, immediato e spontaneo. Percepisco la sua voglia di essere, di fare, la sua impossibilità a stare fermo: mi sento investita da un’ondata di vitalità. Non puoi semplicemente dirgli di fare qualcosa: devi interloquire, chiedere, proporre una soluzione logica. Insegnare se serve. E, per lo più, non imporre. Marco ascolta attentamente e ribatte, propone. La mente aperta a considerare cose nuove, il guizzo di un’idea da realizzare che subito ti dice. Fin qui tutto bene: devi “stare sul pezzo”, sarà faticoso, ma bello.

A volte, però, Marco non ce la fa. E scatta un’ira improvvisa e quasi feroce, a volte violenta. Pianti, insulti e bestemmie, con il rifiuto di sottostare a quello che gli viene chiesto. Oppure un silenzio ostinato, corse per scappare a nascondersi mentre fa cadere tutto quello che gli capita a tiro. Lanci di oggetti a caso, calci, morsi, indistintamente a grandi e piccoli.

Marco sollecita tutte le tue risorse personali, prima che professionali. Emozioni che ti scuotono e interrogativi.

Richiedono risposte non casuali, ma logiche, rigorose e affettuose. Non serve imporre inutilmente, ma non va bene neppure ignorare i fatti gravi.

Mi capita di essere nei paraggi in queste situazioni. E nell’osservare come reagisce, mi chiedo che mostri si agitano dentro di lui. Come si deve sentire in questi momenti. Cosa chiede. Mi verrebbe l’istinto di andare da lui. Gli voglio ancora più bene, in quei momenti, me lo porterei a casa. E quando avesse finito di spaccare tutto, lo guarderei, io e lui da soli, per chiedergli “E ora? Dopo aver spaccato tutto, cosa ti resta da spaccare? Che si fa?” Non che abbia senso. Ma per essere con lui, non contro di lui.

So che professionisti attenti e preparati stanno valutando il suo caso. Non ē il mio mestiere capire di più su quel che viene deciso. Ma io spero semplicemente che non lo “certifichino”. Niente bollini. Niente alibi. Non è un malato da curare, da acquietare, ma una piccola persona da sostenere, nella sua battaglia con i mostri. Senza spegnere quella luce che gli vedo negli occhi quando ha una nuova idea, quando fa uno scherzo. Questo vorrei per Marco. A questo serve essere persone.

(ispirato da una storia vera – i nomi sono inventati)

Chi accompagna chi?

12 gennaio 2016

Il mio cagnolone sta morendo. Per quanto sia una dura realtà, non si può dire in altro modo. Un tumore gli divora i polmoni, ogni giorno un po’, ma lui non lo sa di certo. Col respiro appena più pesante, lui, che ha respirato sempre come una farfalla, scodinzola, saluta, e si addormenta ogni poco con piccole scosse.

Non ci sono drammi, non ci sono scene madri, non vedo dolore nei suoi occhi di cane buono e allegro. Non lo vedo soffrire, e spero dentro di me che sia così. Dei suoi 50 kg non è rimasto tanto: quando passo la mano sul dorso gli sento le scapole e conto le costole una ad una, sotto il suo pelo folto di Bernese. Socchiude gli occhi e si gira sul dorso alle mie carezze, beato.
Io penso che lui sta morendo, e lui invece sta semplicemente vivendo i suoi giorni, non la morte. Contento di quel che lo fa contento, stanco quando è stanco, a cercare coccole sotto il mio gomito, o solo addormentato ai miei piedi.
Quando sarà, non starà da qualche parte a guardarsi intorno, cercando qualcuno con gli occhi inquieti e un po’ spauriti, come quando, durante una passeggiata, mi nascondevo dietro un albero per farmi cercare se lui si allontanava troppo. Lui che, ogni volta che non vede il suo “branco”, gira per le stanze di casa finchè scopre dove sta. Spero di essere vicino a lui: quel momento, come nel resto della sua vita, spero che mi aspetterà.

Ne abbiamo fatte tante di cose insieme, Artù e io, in poco più di 8 anni. La strada insieme sembrava lunghissima. Penso che ho camminato a fianco a lui tante volte, e anche ora lo accompagno, come sempre.
O forse, questa volta, lui accompagna me.

 

magredi.

Magredi del Cellina-Meduna (PN)

Magredi del Cellina-Meduna (PN)

camminiamo sull’argine, sul limitare dei magredi, io e Puffo. è un bovaro del bernese, Puffo, il suo nome “vero” è Artù.

siamo soli. è mezzogiorno e mezzo e non c’è nessuno in giro. mi piace. il cielo è di quel colore lattiginoso luminoso, non è limpido ma può uscire il sole da un momento all’altro. dall’argine si vede lontano, fino all’altra riva, la linea degli alberi verde e dorata oltre la distesa di ghiaia e sabbia. non c’è acqua in questo punto oggi, non c’è quasi mai. non piove già da oltre due giorni, è sufficiente per far scomparire il torrente di nuovo.

amo questo posto un po’ lunare, dove le eriche e i ciuffi d’erba spuntano tra i sassi: non è rigoglioso, come un bosco, è come se ci potessi vivere solo se sei resistente.
devi saper aspettare l’acqua per giorni, perchè non ci sono fiumi, se non piove, e anche sopportare l’inondazione quando il torrente si ingrossa. devi essere un po’ erbaccia. accontentarti di colori spenti a volte. ed essere pronto con i tuoi fiori appena acqua e sole ti permettono di sbocciare…
non ci facciamo cogliere impreparati, io e Puffo. portiamo uno zainetto rosso, con una piccola ciotola e una bottiglia d’acqua per quando lui ha sete. esce il sole, Artù ansima e gli faccio bere un po’ d’acqua. dai, che ora si torna nel nostro giardino verde. ma ci prepariamo a diventare erbaccia.

18 ottobre 2015

desiderantes

Desiderio e desiderantes…

musicaememorie

La parola “desiderio” porta già nel suo etimo la dimensione della veglia e dell’attesa, dell’orizzonte aperto e stellare, dell’avvertimento positivo di una mancanza che sospinge la ricerca. Nel De Bello Gallico di Giulio Cesare i desiderantes erano i soldati che aspettavano sotto le stelle i compagni che non erano ancora tornati dal campo di battaglia. Più precisamente l’etimologia della parola “desiderio” deriva dallo stare sotto il cielo a osservare le stelle in un atteggiamento di attesa e di ricerca della via. Sidera significa infatti, in latino, stelle. Mentre il de privativo indica l’ impossibilità di seguire la rotta segnata dalle stelle e quindi una condizione di disorientamento, di perdita di riferimenti, di nostalgia, di lontananza, ma anche l’avvertimento positivo della mancanza di ciò che è necessario alla vita, l’attesa e la ricerca della propria stella.
Massimo Recalcati, Ritratti del desiderio, Raffaello Cortina Editore 2012

Rubato da pessima http://pessimesempio3.wordpress.com/

View original post